messina-panoramica-dello-stretto-da-cristo-re-_new

Questo articolo parte da una riflessione importante. La Sicilia è sempre più lontana o no dal resto del paese? A quanto dicono i numeri, ma soprattutto il sindacato Orsa, ad essere tagliata fuori da ogni rotta e da ogni percorso è Messina.  La città con tutta la sua provincia non ha un aeroporto e i treni a lunga percorrenza sono davvero pochissimi. Che si tratti di aereo, treno o nave, la situazione non cambia di molto. Infatti per tutti gli abitanti di Messina e provincia che vogliono spostarsi ci saranno a qualsiasi ora poche corse e non per nulla queste ultime sono senza un collegamento logico.

Chi vuole partire in aereo da Reggio Calabria deve proprio faticare. Mettiamo il caso che l’aereo parta di mattina da Reggio Calabria, il turista/cittadino in questione dovrà prendere la nave della Tourist Caronte, l’unica utile per raggiungere l’aereo, alle 4,30. Per non parlare poi dei treni a lunga percorrenza, sino al 2005 se ne contavano 14 più 14 (contando andata e ritorno), di quali oggi ne sono rimasti solo 5 più 5( sempre tra andata e ritorno) diretti nella Capitale. Uno solo per Milano. Per il resto, dalla Sicilia sono stati cancellati i collegamenti per Torino, Bologna e Venezia. Dal dicembre del 2011 quasi tutti i treni si fermano a Roma e da lì si sale nella ricca Alta velocità con costi elevatissimi. Solo tre dei treni rimasti sono treni notte con letti e cuccette per un volume di posti disponibili ridotto in meno di 10 anni ad un quinto di quello del 2005.

E non è mica colpa del ponte sullo stretto se la situazione è questa. La colpa è di chi non migliora i collegamenti in Sicilia(la tratta ferroviaria Palermo-Messina solo dal 2014 è a doppio binario per il 48% del suo percorso, ovvero per circa 107 km, e a binario unico per i restanti 117 km.) e di chi per tale causa non fa arrivare giù l’alta velocità. Basterebbero pochissimi accorgimenti e la vita di molti siciliani migliorerebbe. Ad ogni modo, di chiunque sia la colpa, questa è la triste realtà.

2 thoughts on “La Sicilia è lontana dal resto del mondo?

  1. Turismo in Sicilia, da sempre ci riempiamo la bocca ,però alcune considerazioni vanno fatte.
    Il turismo Siciliano potenzialmente avrebbe tanto da dare ma si scontra con una realtà tipica isolana che da noi trova il tempo che trova,
    La ricezione turistica è molto cara iniziando dagli alberghi i cui servizi molto discutibili con tariffe alte e i mezzi di comunicazione che lasciano a desiderare ,una tratta pa-me che dopo 107 km diventa a binario unico con soste ai passaggi a livello da far west che durano all’incirca 20 minuti e delle carrozze ferroviarie da mandare in museo ,infine per es. a Palermo una metropolitana anch’essa pessima malgestita.
    Nonostante tutto la Sicilia è Meta ambita ,e tutti sono innamorati dei nostri luoghi ,del nostro cibo , del nostro mare e delle nostre donne.

    • Nino, hai detto bene. La Sicilia è una punta di diamante, ma sfortunatamente tutta questa ricchezza è mal gestita.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website