Lipari_Bimstein_Steinbruch

Ci troviamo alle isole Eolie e, dopo le escursioni in quelle che dovrebbero essere le isole più belle che la Sicilia può vantare, ci si accorge che le piu’ conosciute, nonché più alla moda, sono ormai in fase di degrado.  A Lipari l’ex spiaggia bianca di pomice, famosa in tutto il mondo, non esiste piu’, a Vulcano il mare sta inghiottendo pian piano il litorale delle sabbie nere, nel borgo di Pollara, a Salina, il litorale tanto caro a Massimo Troisi e ridotto ormai ai minimi termini, è stato chiuso per la caduta di massi. Questo è quello che emerge dall’ultima panoramica dell’arcipelago, che dovrebbe puntare proprio sulle spiagge che sono sempre state le punte di diamante per il grande richiamo turistico.

Salina_376-10-23-40-5640

A Lipari, l’ex spiaggia bianca di pomice ormai non esiste da decenni. Dopo i continui scambi di opinione a suon di denunce è arrivato il divieto di depositare i resti della lavorazione della pietra lunga la montagna. La situazione è peggiorata con la chiusura della società “Pumex”, l’unica che lavorava la pietra vulcanica esportata in tutto il mondo, dopo che le Eolie sono divenute “Patrimonio dell’Umanità” dell’Unesco. Oggi quel luogo mozzafiato, che era stato lo scenario di alcune scene del film “Kaos” dei fratelli Taviani, che permetteva ai turisti di rotolarsi dalla montagna fino al mare, e che regalava uno scenario mozzafiato da chi arrivava direttamente in barca o si tuffava in quello scorcio di mare color piscina, sembra non esistere più. I turisti arrivano a Lipari e non trovano più quello scenario suggestivo “neve-mare”. Il sindaco Marco Giorgianni rassicura cittadini e turisti con la comunicazione di un piano di riqualifica dell’area, ma purtroppo vi sono altri litorali che hanno subito una fase di cambiamento. Sia a Porto delle Genti, spiaggia del centro abitato di Lipari, che a Marina Lunga, la battigia è quasi scomparsa e basta un po’ di vento per far arrivare il mare  nei negozi e nelle case.

2 thoughts on “Salviamo le perle delle isole Eolie

  1. Personalmente , tutte queste isolette mediterranee le lascerei naturali senza interventi dell’uomo che alla fine sono deleteri ,la natura con i suoi fenomeni ha sempre ragione e quindi dobbiamo chinarci ad accettarli anche se sgraditi

    • Solo Alicudi e Filicudi sono alla stato naturale. Basterebbe che si attivasse un turismo sostenibile, che sia rispettoso della natura meravigliosa che ci circonda.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website