free-wifi_slider

Palermo si trasforma e diventa una città più smart, migliorando così i servizi offerti a cittadini e turisti. Stiamo parlando della nuova rete di wi-fi gratuito che sarà fruibile in 14 aree del capoluogo siciliano: in alcune delle più importanti piazze della città, nonché in musei e palazzi storici. Grazie alla nuova piattaforma realizzata in collaborazione con Fastweb, i cittadini potranno collegarsi gratuitamente attraverso tutti gli apparati mobili (tablet, smartphone, pc). Connessione per un massimo di 4 ore al giorno, anche non continuative, e fino a un massimo di circa 200 persone per volta. Quindi chiunque potrà navigare, in mobilità, in modo gratuito e sicuro. Fastweb infatti ha dotato l’infrastruttura dei più moderni sistemi di sicurezza per garantire la navigazione e lo scambio dei dati senza pericolo di intrusione dall’esterno.

Le antenne hotspot sono state infatti collocate presso: Piazza Verdi, Palazzo delle Aquile, Piazza Pretoria, Piazza Bellini, Villa Niscemi, Cantieri Culturali alla Zisa, Museo del Mare, Villa Garibaldi, Piazza Fonderia Oretea, Piazza Ruggero Settimo, Piazza San Domenico, Piazza Caracciolo e Piazza Garaffello. A questi si aggiungerà anche Piazza Castelnuovo, ma solo a partire dal prossimo 15 gennaio.

Palermo02_flickr

«Una città è vivibile se c’è un wi-fi libero – ha dichiarato il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando nel corso della conferenza stampa di presentazione -.

La nuova infrastruttura potrà abilitare inoltre nuovi servizi della Pubblica amministrazione per i cittadini e le imprese, consentendo al Comune lo sviluppo di servizi tipici delle smart cities, come: la diffusione delle informazioni relative al traffico e al meteo, la gestione e la raccolta efficiente dei rifiuti e l’implementazione dei servizi di car e bike sharing per la mobilità pubblica.

Inoltre c’è da ricordare che Fastweb ha già completato la rete di videosorveglianza presso l’Isola pedonale San Domenico e alla Vucciria e prevede nel corso del 2015 anche il completamento della piattaforma per la videosorveglianza nel quartiere Zen. Ben presto sarà fornito un sistema di videosorveglianza per tutti gli edifici scolastici della città. A conclusione dei lavori le piattaforme saranno dotate di un software in grado di codificare le immagini e di riconoscere situazioni potenzialmente pericolose per l’invio delle segnalazioni alle forze dell’ordine.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website