No-Name-Band-535x300

Salvo Pecoraro, Marco Manici, Mauro Cannella, Andrea Pecoraro…I nomi probabilmente non a tutti dicono qualcosa, ma ben presto ne sentirete parlare. Dall’entroterra siciliano di Prizzi(PA) sono arrivati a Sanremo(IM). Questi ragazzi fanno parte della band dei NO NAME, entrati tra i quaranta finalisti dell’Area Sanremo. «Abbiamo presentato una canzone in cui trattiamo, come sempre, un tema sociale – dice Salvo Pecoraro, classe 1995, il chitarrista solista e cantante della band. Il brano parla della mafia, e lo fa immaginando un risveglio dell’umanità. Quando il pubblico potrà ascoltare la canzone, vedrà che nei versi ho cercato di creare più voci, basandomi su diversi tipi di persone. L’idea è quella di svegliare le coscienze, perché nessuno si ribella, nessuno fa rispettare i propri diritti. Alla fine, speriamo in un risvolto positivo, in un mondo in cui il giusto sia garantito a tutti».

Il viaggio dei No Name verso Sanremo inizia da lontano. Dopo aver realizzato numerosi concerti in giro per l’intera isola, i No Name hanno messo da parte questo brano, il cui titolo resta ancora segretissimo, «Volevamo presentarci con una fusione tra presente e passato. »- dice Salvo Pecoraro. In questo brano, infatti, si incrociano il folk cantautoriale con la musica elettronica. L’originalità sarà sicuramente il loro biglietto da visita. Si tratta di ragazzi molto giovani (Marco Maniaci di 21 anni al basso, il chitarrista Mauro Cannella di 17 anni e il batterista Andrea Pecoraro appena sedicenne) a cui auguriamo di portare in alto l’arte nata proprio tra le mura di Prizzi. In bocca al lupo ragazzi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website