Villa_malfitano7

La Villa Malfitano costituisce insieme con il suo intero patrimonio ed il parco che la circonda, un’importante documento, una straordinaria testimonianza di cultura, un vero e proprio “unicum” nel cuore del capoluogo siciliano.
La Villa voluta da Giuseppe Whitaker, personaggio di spicco nella comunità anglopalermitana di fine ‘800, uomo appassionato della natura e dell’archeologia e dell’arte, fu costruita tra il 1886 e 1889. Rispecchia in pieno l’ottimismo e l’atmosfera vitale e cosmopolita che regnavano nelle cosi detta “stagione d’oro della Palermo di fine 800, una stagione felice, fastosa e ben rappresentata dagli splendori di molte ville, in cui Palermo era crocevia di grandi interessi commerciali tra l’Europa e l’Africa mediterranea.
I suoi 7 ettari di parco, con vegetazione dalle mille sfumature cromatiche del suo fiorire, circondato da un alto muro di cinta, si trova in pieno centro a pochi passi dal Teatro Politeama.
Giuseppe Whitaker appassionato di botanica, di ornitologia e soprattutto di archeologia ha riempito Villa Malfitano di collezioni: coralli, arazzi, libri, opere d’arte e di antiquariato, tutti oggetti acquistati per amore, rari, preziosi, belli alla vista e perciò cari al cuore.

Per la tipologia tropicale della flora che contiene, e per alcune sue peculiarità, il parco di Villa Malfitano è definito  anche come secondo Orto botanico della città. Le prime piante furono ritirate direttamente da Giuseppe Whitaker dalla Tunisia, da Sumatra, dall’Australia e da vari altri paesi esotici, e furono messe a dimora dal primo capo giardiniere, Emilio Kunzman.

Visitare questa villa è davvero un’esperienza affascinante. E se fino ad ora è stata finora fruibile esclusivamente al mattino, per un periodo limitato di tempo: nei prossimi giorni invece la villa sarà visitabile tutti i giorni dal mattino alla sera, cominciando da un orario di apertura che andrà dalle ore 9 alle ore 18.

Il Comune ha deciso non solo di aprire al pubblico la villa, ma anche di inviare una squadra di operatori che cureranno il verde e collaboreranno con il personale del parco per i turni di apertura e chiusura dei cancelli.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website